The Walking Dead: la madre dello stuntman morto sul set accusa Hollywood di coprire i problemi di sicurezza

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

John Bernecker, è questo il nome dello stuntman di 33 anni morto lo scorso luglio in Georgia sul set di The Walking Dead a causa di una caduta da un altezza di 10 metri. Sua madre Susan Bernecker ha dichiarato che è da più di 10 anni che sentiva il figlio e i suoi amici parlare delle condizioni di insicurezza nell’industria cinematografica e televisiva.  Quando lo scandalo Weinstein è finalmente uscito allo scoperto, Susan ha subito pensato al mondo degli stuntman dove vige un codice di silenzio sulle normative di sicurezza.

Se togli la parola “sesso” e la sostituisci con “sicurezza” viene fuori lo stesso concetto. Nella mia testa sono paralleli, ci sono le stesse pressioni e gli stessi rischi. Le persone hanno paura a parlare perchè spaventati dall’idea che non lavoreranno più o che saranno guardati dall’alto in basso. E per le donne che fanno questo lavoro è ancora peggio: molte mi hanno detto che sono state vittime di assalti sessuali per ottenere il lavoro.”

Lo scopo di Susan Bernecker è quello di prevenire che ciò che è accaduto a suo figlio possa capitare di nuovo e per questa ragione ha creato una fondazione a suo nome per cercare le soluzioni migliori affinché chi lavora nel settore del cinema o della televisione sia al sicuro.

Venerdì scorso OSHA ha inflitto una multa di 12.675 dollari alla Stalwart Films per  per aver fallito nel proteggere i dipendenti dalle possibili cadute rischiose. La multa rappresenta l’importo massimo secondo le violazioni delle leggi federali sulla sicurezza. La Bernecker non crede che una punizione del genere possa “costringere” le persone a seguire le regole.

“Penso sia ridicolo: spendono la stessa somma in due giorni per il cibo destinato allo staff. Se la multa fosse di mezzo milione di dollari, in quel caso avreste la loro attenzione, ma con 12000 dollari non ottieni l’attenzione di nessuno.”

In una lettera OSHA le ha spiegato che il massimale da pagare per coloro che infrangono le regole sulla sicurezza non è stato alzato dal Congresso dal 1991 e che quindi la multa non può “equiparare la perdita subita”. Susan intende cercare di far innalzare la penalità per chi trasgredisce le regole in fatto di sicurezza, facendo uso della sua fondazione.

Susan Bernecker in relazione alla scomparsa del figlio e di ciò che è successo sul set di The Walking Dead ha dichiarato: Ci hanno messo un’ora per portarlo in ospedale e questo rappresenta un grosso problema per me. Ho un sacco di domande di cui non so la risposta. Sono sua madre e ho il bisogno di sapere. Suo padre ci ha lasciati quando John aveva 3 anni, siamo sempre stati da soli. Era il mio unico figlio. Piango tutti i giorni da quando è morto. Non sono una persona piagnucolona, ma adesso piango tutti i giorni. Non ho mangiato o dormito per un paio di mesi. Adesso mangio, ma non riesco ancora a dormire perché la questione è rimasta irrisolta. Non c’è niente di peggio che vedere il proprio figlio morire, perdi il tuo futuro, soprattutto se avevi un solo figlio. “

La donna si sente in dovere di provare a cambiare le cose proprio in relazione a ciò che è successo, pensando che questo è ciò che John avrebbe voluto: un mondo del lavoro più sicuro per tutti i suoi colleghi.

 

Fonte: Deadline 

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

Commenti

Tag dell'articolo
Altri di Klea Filja

The Rain: Netflix rilascia il teaser della nuova serie danese

00The Rain è una serie targata Netflix di produzione danese nata dalla collaborazione...
Leggi tutto