Stranger Things: I fratelli Duffer rispondono alle accuse di violenza verbale sul set

Stranger Things
Share on Facebook18Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

E’ di qualche giorno fa la notizia secondo cui i fratelli Duffer sarebbero stati fonte di spiacevoli episodi di violenza verbale durante le riprese di Stranger Things. Giovedì 8 marzo, data internazionalmente riconosciuta come Festa della Donna, l’ex collaboratrice Peyton Brown ha condiviso su Instagram alcuni fatti che riguarderebbero da vicino Matt e Ross, accusati dalla ragazza di aver pronunciato una serie di frasi e commenti altamente offensivi nei confronti delle donne legate alla produzione della serie. Sebbene nel testo non compaia alcun nome, Matt e Ross sarebbero stati citati poco dopo dalla stessa autrice all’interno dei sottostanti commenti prontamente nascosti qualche ora dopo, non prima che venissero però screenshottati da più di 10.000 followers.

Grazie all’attenzione focalizzata sugli abusi verbali e fisici subiti dalle donne all’interno del mondo cinematografico hollywoodiano in seguito allo scoppio del caso Weinstein, la vicenda si è ingigantita e diffusa sui social in tempi record, lasciando spiazzati Netflix e gli stessi fratelli Duffer che hanno inizialmente negato ogni tipo di commento.

Oggi, a distanza di quattro giorni dalla prima apparizione del post, gli ideatori e co-produttori di Stranger Things hanno deciso di giustificarsi nel corso di un’intervista congiunta in cui affermano di essere estremamente dispiaciuti per quanto accaduto. “A causa degli elevati livelli di stress legati alla natura stessa della produzione è inevitabile che a volte gli animi si scaldino. Chiediamo scusa per questo, pensiamo che sia importante non fraintendere la natura del nostro set dove continueremo a impegnarci per offrire e garantire un ambiente lavorativo sicuro e collaborativo per le persone coinvolte, trattando tutti in modo equo indipendentemente da genere, orientamento sessuale, razza o religione”.

Stranger Things

Nel frattempo Netflix ha avviato una serie di indagini su possibili molestie verbali e comportamenti irrispettosi nei confronti delle collaboratrici non trovando però nulla di concreto: “Abbiamo esaminato attentamente ogni affermazione riportata nel corso della giornata di giovedì non trovando alcun atto illecito. Mantenere un’atmosfera sicura e rilassata sul set di Stranger Things è importante tanto per i Duffer Brothers quanto per noi”.

Matt e Ross sono stati sollevati da ogni accusa e continueranno a lavorare a oltranza sulla serie. La produzione di Stranger Things 3, che secondo David Harbour non arriverà prima del 2019, pare non aver subito rallentamenti a causa del triste episodio.

Fonte: Entertainment Weekly

Share on Facebook18Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

Commenti

Tag dell'articolo
,
Altri di Giulia Campedelli

Il cast di The Big Bang Theory saluta Stephen Hawking un’ultima volta

180Molti di voi sapranno ormai della triste perdita subìta dalla comunità scientifica...
Leggi tutto