Stranger Things 2: un importante personaggio femminile avrebbe dovuto essere un uomo di 30 anni

Stranger Things 2 è disponibile da nemmeno un mese, è stato visto da un’infinità di persone e i fan già fanno il conto alla rovescia per la terza stagione – trovate QUI tutto ciò che sappiamo finora. Attenzione perché di seguito trovate spoiler, quindi se non siete in pari leggete altro.

Si continua a parlare della bellissima season 2 e nelle scorse ore i fratelli Duffer ci hanno rivelato un retroscena piuttosto interessante: la “sorella” di Eleven, molto importante perché serve a far evolvere il personaggio della tredicenne telecinetica nel tanto contestato episodio 7, avrebbe dovuto essere in realtà un uomo di 30 anni. “Quando abbiamo buttato giù le idee per i titoli, molto tempo fa, l’episodio si chiamava The Lost Brother”, ha spiegato Matt Duffer. “Inizialmente stavamo cercando una persona di sesso maschile. Eleven avrebbe avuto un fratello e noi stavamo cercando un uomo sui 30 anni – che adesso difficilmente riesco a immaginarlo”.

Insomma, l’idea era quella che El avesse un fratello maggiore, ma non scattava nelle loro menti. “Non era così interessante per noi, quindi abbiamo detto ‘apriamo il margine, andiamo sui più giovani, rendiamo la fascia di età più ampia ed estendiamola al gentil sesso'”, ha aggiunto Matt. Ingaggiare Linnea Berthelsen in Stranger Things 2 è stato piuttosto meccanico: la giovane ha colto al volo l’opportunità di unirsi al cast, mandando la sua audizione dopo appena tre giorni in cui le era stata data l’opportunità di farlo. Il resto è storia.

Via: Vulture

 

Loading...