Stranger Things 2: svelato uno dei temi principali della nuova stagione

Manca ormai poco al 28 ottobre, data in cui Stranger Things 2 farà ufficialmente la sua comparsa sul catalogo Netflix. Stando alle parole di David Harbour, uno dei punti su cui si concentrerà maggiormente questa nuova stagione è il rapporto tra lo sceriffo Jim Hopper (da lui interpretato) e la figlioletta Sarah, morta prematuramente di cancro prima che a Hawkins iniziassero a verificarsi i bizzarri eventi che hanno visto coinvolti Mike, Dustin, Lucas e Will. È chiaro fin da subito quanto i giovani protagonisti siano affiatati e nella nuova stagione li vedremo nuovamente tutti insieme: il fortissimo rapporto che li lega è stato anche il motivo scatenante che li ha spinti ad agire portandoli a rischiare le loro stesse vite pur di riportare a casa l’amico scomparso e aiutare la misteriosa Undici, la cui presenza nei primi episodi della season 2 non è certa, purtroppo.

“Friends don’t lie”, gli amici non mentono. Così recita una delle frasi simbolo della prima stagione.

Nel corso della prima stagione è stato dunque ampiamente esplorato il tema dell’amicizia, mentre le dinamiche famigliari che hanno portato il capo della polizia sulla strada dell’alcolismo sono rimaste in secondo piano.

“In Stranger Things 2, Hopper sarà costretto a confrontarsi con il suo essere uomo e l’essere stato genitore: il rapporto padre-figlia tra lo sceriffo e Sarah verrà largamente esplorato, anche se in modo non convenzionale. Dopotutto Stranger Things ha questo nome per un motivo, no?”, ha dichiarato l’attore.

Cosa significhi esattamente quest’ultima affermazione ancora nessuno lo sa: Harbour ha preferito infatti non rivelare nulla per non rovinare la sorpresa ai fan. Pare dunque che dovremo pazientare ancora un po’ prima di avere una risposta precisa. Che la morte di Sarah sia in un qualche modo collegata con gli strani eventi che stanno accadendo all’interno dello show? Si accettano scommesse!

Loading...

Fonte: Business Insider