Stranger Things 2: i fratelli Duffer dicono la loro sul settimo episodio

Attenzione agli SPOILER in questo articolo! Che abbiate o no visto Stranger Things 2 sicuramente vi sarà capitato di leggere un po’ ovunque del fatidico settimo episodio che ha confuso e infastidito moltissimi fan della serie. “Respira, girasole, arcobaleno, tre a destra quattro a sinistra, 450”: questa cantilena fa da colonna sonora all’intera puntata in questione, nel quale vediamo protagonista la mamma della piccola Undici che è tutt’altro che morta, come le hanno sempre fatto credere.

Undi, nello stesso modo in cui per 353 giorni ha ascoltato Mike chiamarla, entra nella mente di sua madre scoprendo qualcosa di scioccante: non è l’unica bambina al mondo ad essere stata sottoposta ad esperimenti nel laboratorio di Hawkins (sapevate che forse tali esperimenti sono stati fatti davvero?). Veniamo così a conoscenza di Otto, una ragazza che ha acquisito poteri diversi da quelli di Undi ma altrettanto distruttivi.

Questo tanto discusso settimo episodio di Stranger Things 2, “The Lost Sister”, ha lasciato dietro di sé non poche polemiche, venendo spesso etichettato come “inutile” al fine della serie. Altri fan hanno invece sostenuto che sia stata una puntata importante dal momento che ha portato Undici a prendere la decisione di tornare in quella che ha sempre sentito casa sua. I fratelli Duffer hanno così deciso di dire la loro al riguardo, spiegando che erano entusiasti all’idea di staccare per un attimo la spina da Hawkins e dai volti a cui eravamo abituati: “Ha infastidito parecchie persone” dice Ross, “Volevamo darvi un colpo di scena” continua Matt riferendosi allo stile Punk dei protagonisti della puntata,“Ma non so se il colpo di scena è stato troppo forte”.

Tuttavia, che abbiate apprezzato o meno Kali alias Eight in Stranger Things 2, preparatevi a rivederla anche nella prossima stagione: cosa ci riserverà? Siete curiosi?

 

Loading...

Via: DigitalSpy