La Amy di The Big Bang Theory si scaglia contro le vittime di Weinstein, è subito polemica

Mayim Bialik fa parlare di sé in questa domenica di metà ottobre. L’attrice, nota soprattutto per aver interpretato Amy in The Big Bang Theory, è stata accusata di aver preso le difese di Harvey Weinstein, schierandosi contro le sue vittime. In un articolo sul New York Times, avrebbe infatti dichiarato di essere “scioccata e disgustata” per lo scandalo, ma non sorpresa. “Ho imparato velocemente che una ragazza che fa gli occhi dolci e labbra seducenti, e utilizza paroloni, sia preferita per un ruolo da uomini potenti che prendono decisioni”, ha scritto la Bialik. “Ho deciso che il mio approccio sessuale fosse meglio riservato a situazioni private, con persone più intime. Mi vesto in maniera semplice e non flirto con gli uomini come fosse politica”.

E subito si sono sprecate le critiche sui social. Critiche secondo cui l’attrice avrebbe insinuato che la modestia e un guardaroba “conservatore” potessero proteggere dalle molestie sessuali.

Altre persone hanno criticato la Amy di The Big Bang Theory per aver giudicato le donne in base al loro aspetto. Avrebbe infatti continuato l’articolo dicendo: “In quanto orgogliosa femminista con poco interesse nella dieta, nella chirurgia plastica o nell’avere un personal trainer, non ho esperienza con uomini che mi chiedono di incontrarli nelle loro camere. Quelle di Hollywood che non rappresentano uno standard di bellezza impossibile, hanno il ‘lusso’ di essere trascurate e, in molti casi, ignorate da uomini di potere, a meno che non riescano a fargli fare tanti soldi”.

Loading...

Via: Business Insider