Good Girls: la prossima serie di NBC che vedremo su Netflix

Quando, a maggio di quest’anno, si sono svolti a Los Angeles gli screening per mostrare al mercato internazionale le serie disponibili per essere acquistate, tra queste non era presente Dynasty, reboot della famosissima serie omonima prodotta da The CW. Il motivo per cui non era disponibile è che Netflix ne aveva già comprato i diritti per la distribuzione internazionale (cioè al di fuori di USA e Canada). È la terza serie di The CW che Netflix ha acquistato, dopo Riverdale e Black Lightning.

Quest’estate, il colosso della distribuzione in streaming ha deciso di acquistare anche la dramedy Good Girls, prodotta dal conglomerato NBC/Universal. La serie debutterà sulla rete americana il 26 febbraio 2018 e verrà distribuita quindi su Netflix.

L’obiettivo di Netflix è quello di entrare a far parte della produzione di una serie nelle primissime fasi della sua esistenza, addirittura quando ancora è stato scritto o girato solo il pilot. Si interessa però principalmente di serie che vengono ordinate per intero – senza passare per la produzione del singolo primo episodio. Il fatto che Netflix si interessi a essere partner di una serie (cioè a comprarne in anticipo i diritti internazionali) aiuta la serie stessa ad essere prodotta, perché molti costi di distribuzione sono automaticamente coperti. Così vengono prodotte le serie che hanno anche il marchio originale Netflix quando vengono distribuite (come Better Call Saul, per esempio).

Oltre che scegliere serie che hanno un richiamo internazionale, come Dynasty, Star Trek e Riverdale, Netflix entra in collaborazione con i network anche per serie meno “vistose”, come appunto Good Girls. Essa racconta le vicende di tre donne e madri di una cittadina tranquilla che sono le classiche “brave ragazze” ma che, per grossi problemi finanziari, decidono di rapinare un supermercato. La rapina è un successo, ma il responsabile del negozio riconosce una delle tre donne . Questo porterà a disastrose conseguenze, ma non nel senso che tutti ci aspettiamo.

Il motivo per cui Netflix sceglie serie di questo tipo è che deve riuscire ad attirare vari segmenti del suo pubblico che è formato da 190 milioni di persone. Questa è una serie con un cast principalmente femminile (Christina Hendricks, Retta, Mae Whitman), ricco di ironia e un po’ tragicomica che può interessare coloro che non guardano normalmente serie sui supereroi, teen drama o comedy.

Fonte: Deadline