Game of Thrones 8: Molti dei personaggi principali potrebbero morire nel finale di serie

Uno degli aspetti che maggiormente caratterizza Game of Thrones è il numero incalcolabile di morti violente, vittime e martiri disseminati al suo interno. L’indulgenza non è certo la caratteristica di spicco nello stile narrativo di George R. R. Martin e nel corso degli anni abbiamo avuto modo di temprare ossa e spirito attraverso la dipartita di ben più di un nobile gueriero, primo tra tutti Ned Stark, seguito dal figlio maggiore Robb, dal povero Hodor o dalla piccola Shireen Baratheon, crudelmente data alle fiamme dal padre come vittima sacrificale al Dio della Luce (idea di quello spietato di Martin, by the way).

Game of Thrones 8

Nonostante battaglie, torture e numerose situazioni tese oltre ogni dire, gran parte dei personaggi principali appartenenti alle maggiore casate di Westeros sono arrivati al gran finale (anche se non del tutto indenni, vabbé, dettagli). Purtroppo sembra che una triste sorte attenda al baratro ciascuno di loro: Francesca Orsi, vicepresidente senior di HBO, ha rivelato che durante la conferenza INTV tenutasi in Israele l’intero cast ha potuto leggere le righe conclusive del copione dell’attesissimo finale di serie, a cui hanno fatto seguito fiumi di lacrime accompagnate da un’ovazione generale della durata di ben venti minuti. “E’ stato emozionante, la lettura collettiva del copione ha rappresentato un momento davvero potente per la nostra vita e per la nostra carriera lavorativa. Nessuno ne aveva ricevuto una copia in anticipo: l’intero cast aveva le lacrime agli occhi nel leggere di come i personaggi siano destinati a cadere e a morire uno dopo l’altro”.

Nonostante la fortissima intenzione di mantenere il silenzio assoluto per quanto riguarda Game of Thrones 8 è inevitabile che piccoli fatti come quello riportato sopra sfuggano al controllo di mamma HBO arrivando alle orecchie dei molti fan ansiosi di poter finalmente mettere gli occhi sulla stagione conclusiva di una delle più fortunate serie televisive degli ultimi anni. Piccoli pezzi di un puzzle più grande si stanno pian piano unendo ai molti rumor presenti in rete come ad esempio quello riguardante il reale piano del Re della Notte, la costruzione di un castello molto simile a quello di Grande Inverno sul set di Belfast, o la convocazione di Rebecca Van Cleave, controfigura di Lena Headey per le scene di nudo integrale. Quello che è certo è che non potremo dire con esattezza se queste voci corrispondano a realtà o meno fino all’arrivo effettivo di Game of Thrones 8, fissato indicativamente per la primavera 2019.

Fonte: TVLine