È mancato Stan Lee, il papà degli eroi Marvel

Ieri è giunta la notizia della morte di Stan Lee, firma iconica di Marvel Comics e papà di numerosissimi super eroi. È spirato all’ospedale Cedars-Sinai Medical Centre di Los Angeles, all’età di 95 anni.

Stan Lee iniziò la sua carriera nel 1939, prolifico creatore di quelli che, da meri personaggi, sono divenuti icone della cultura pop: Black Panther, Spider Man, Thor, Iron Man, Hulk, Daredevil, Ant-Man, solo per citarne alcuni. Nella sua vita ha collaborato con altri nomi celebri del settore, come Jack Kirby e Steve Ditko, contribuendo con le sue idee geniali a fare di Marvel un impero, e dei suoi super eroi volti familiari per numerosissimi fan in tutto il mondo.

Parlando del proprio operato, Stan Lee stesso aveva dichiarato nel 2014:

Ero abituato a pensare che quel che facevo, non fosse poi così importante. C’è gente che costruisce ponti e sviluppa la scienza medica, e poi c’ero io, che creavo questi personaggi di finzione che riuscivano a fare cose straordinarie e incredibili, indossando dei costumi. Ma immagino che alla fine abbia realizzato che nemmeno l’intrattenimento va preso alla leggera.

Bob Iger, amministratore delegato di Disney (che acquistò la Marvel Entertainment nel 2009), ricorda l’artista con queste parole:

Stan Lee era tanto straordinario quanto i personaggi che ha creato. Un supereroe vero e proprio agli occhi dei suoi fan di tutto il mondo, Stan aveva la capacità di ispirare, intrattenere e unire. L’unica cosa che superava la sua immaginazione, era il suo buon cuore.

Naturalmente, anche il presidente di Marvel Studios, Kevin Feige, ha dedicato delle sentite parole ad una persona così fondamentale:

Nessuno ha mai avuto un impatto come quello che lui ha avuto sulla mia carriera, e su tutto ciò che realizziamo qui. Stan ha lasciato un’eredità che sopravviverà anche a tutti noi. mandiamo un pensiero a sua figlia, alla sua famiglia e ai milioni di fans che saranno per sempre emozionati dal genio di Stan, dal suo carisma e dal suo buon cuore.

E certamente Feige ha ragione, quando dice che l’eredità di Stan Lee sopravviverà, sempre, perché avremo sempre bisogno di eroi, e i suoi eroi, così straordinari ma anche così incredibilmente umani, con le loro debolezze e i loro sbagli, li rendono ancora più esemplari, più simili a noi: in fondo, umano era il primo eroe che li creò e li vide crescere, fino a prendere vita.

Excelsior!

Loading...

Fonte: The Hollywood Reporter

Tags: