Addio a Mark Salling, la star di Glee si sarebbe suicidata

Mark Salling
Share on Facebook436Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

Ogni giorno leggiamo e riportiamo notizie di qualunque tipo, ma di questo genere non vorremmo mai sentirne parlare: Mark Salling, il noto interprete di Noah Puckerman nell’acclamata serie Glee, ci lascia all’età di soli 35 anni. Non è stata purtroppo una tragica fatalità del destino, sembrerebbe infatti che abbia deciso di togliersi la vita: il corpo del giovane è stato ritrovato vicino ad un campo da baseball non molto distante dalla sua abitazione a Los Angeles.

Mark Salling non era nuovo ai tentativi di suicidio: ad agosto tentò di porre fine alla sua esistenza tagliandosi le vene, dando di matto subito dopo aver compiuto l’atto. Le urla attirarono l’attenzione del suo coinquilino che chiamò prontamente i soccorsi e una volta in ospedale gli furono diagnosticati problemi psicologici.

Probabilmente la causa dei suoi gesti deriva dall’esasperazione, dalla vergogna e da altre innumerevoli conseguenze dovute alla scoperta di materiale pedopornografico sul suo computer nel 2015. Venne inizialmente sentenziato a passare 20 anni in carcere, ma a dicembre dello stesso anno patteggiò dichiarandosi colpevole del reato e gli anni di reclusione si ridussero tra 4 e 7.

Come se non bastasse, nel 2011 Mark venne accusato di aggressione sessuale dall’ex fidanzata Roxanne Gorzela. La donna al tempo sostenne che Selling l’avesse forzata ad avere un rapporto non protetto e che, al suo rifiuto, lui l’avesse scaraventata a terra provocandole ferite alle ginocchia: Salling, tuttavia, ammise soltanto di averla fatta cadere accidentalmente.

Accuse su accuse, come mattoni che pian piano compongono una casa: la casa di Mark non ce l’ha fatta più a reggere tutto quel peso. Chi lo conosceva lo descrive come una persona gentile, amorevole e creativa che stava cercando di reagire e di porre rimedio (per quanto possibile) ai suoi errori. La famiglia Salling ringrazia il mondo per il sostegno che stanno ricevendo e per il rispetto della loro privacy.

 

Via: DailyMail

Share on Facebook436Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

Commenti

Tag dell'articolo
Altri di Chiara Consorti

Una Serie Di Sfortunati Eventi 2: Nuovi guai in vista per i piccoli Baudelaire (TRAILER)

4360Dopo averci lasciati con una sensazione di angoscia ed essere rimasti pieni di...
Leggi tutto