13 Reasons Why: il padre di una ragazza suicida attacca Selena Gomez per la produzione della serie

13 Reasons Why è una serie targata Netflix che racconta la storia di Hannah Baker, una diciassettenne americana che  in seguito a una serie di spiacevoli episodi, decide di togliersi la vita lasciando tredici cassette dove registra i motivi che l’hanno spinta al suicidio. La serie, basata sul libro di Jay Asher, vede come produttore esecutivo la giovane pop star Selena Gomez, la quale è stata di recente attaccata per la produzione di uno show dal padre di una ragazza che si è tolta la vita dopo aver visto la serie tv. L’uomo in questione, il californiano John Herndon, ha voluto attaccare la giovane cantante e Netflix:

“Bisogna ricordare che ci sono degli adolescenti là fuori che non stanno bene e quest’ultimi potrebbero essere i vostri amici, le vostre sorelle. Selena Gomez e Netflix devono capire che non tutti possono prenderla nel modo giusto. Alcune persone combattono con la depressione, questo potrebbe prenderli nel momento sbagliato, creando il così detto evento scatenante.” 

L’uomo, che chiede la cancellazione dello show, ha inoltre aggiunto: “Sono assolutamente disgustato. Selena mi fa schifo, è una persona estremamente disturbata se pensa che questa serie abbia un qualsiasi tipo di valore positivo.”

Herndon ha sottolineato quanto la nota piattaforma di streaming sia stata assolutamente ipocrita nel licenziare Kevin Spacey e Danny Masterson per le accuse di violenze sessuali, lasciando tuttavia inalterati show come Tredici.

L’uomo ha inoltre criticato la cantante per aver concentrato l’attenzione sulla sua operazione di trapianto del rene, sottolineando il suo non badare a nessuna spesa per l’operazione e accusandola di non aver fatto abbastanza nell’aiutare i giovani che soffrono di problemi mentali.

Prendono queste decisioni per cercare di risultare un’azienda responsabile socialmente eppure creano dei prodotti dove mostrano persone che non stanno bene e che si fanno del male.”

La Gomez e Netflix non hanno ancora risposto alle accuse da parte di Herndon e della sua famiglia.

 

Fonte: NME

Loading...